• francescaruffino

Gomme lisce o usurate? Occhio alle sanzioni!

Sapevate che circolare con gomme lisce o usurate comporta sanzioni pecuniarie e amministrative?

Ebbene sì: l’articolo n.175 comma 2 lettera H del Codice della Strada (di seguito CdS) vieta la circolazione dei veicoli sulle autostrade e sulle strade le cui condizioni di uso, equipaggiamento e gommatura possono costituire pericolo per la circolazione.



A quanto ammontano le sanzioni?

Per chi viene sorpreso con gomme lisce o usurate, con profondità del battistrada sotto la soglia minima consentita, è prevista una sanzione di 78 euro.


Inoltre il CdS, secondo la circolare n.1049 emanata dal Ministero dei Trasporti il 17 gennaio 2014, non consente più la circolazione di autovetture con pneumatici di tipo M+S, ossia pensati per percorrere strade in presenza di fango o neve nel periodo autunno/inverno, se l’indice di velocità è inferiore a quello indicato sulla carta di circolazione.


L’indice di velocità non è altro che quel codice alfabetico che trovate sulla spalla del pneumatico e che indica la velocità massima alla quale può viaggiare.


Tale lettera rappresenta la velocità massima e non può essere inferiore a quella riportata sul libretto.


Le multe previste andranno dai 422 a 1.695 euro, con il ritiro della carta di circolazione.


Come riconoscere una gomma usurata?

Per riconoscere una gomma usurata è sufficiente controllare gli intagli larghi centrali della stessa: quando il battistrada si consuma il disegno a rilievo non è più visibile ed emergono gli indicatori di usura tra le scanalature.


L’art. 237 appendice VIII del CdS stabilisce che il battistrada, ove previsto, dovrà avere il disegno a rilievo ben visibile su tutta la sua larghezza e su tutta la sua circonferenza; la profondità degli intagli principali del battistrada dovrà essere di almeno 1,60 mm per gli autoveicoli, i filoveicoli e rimorchi, di almeno 1,00 mm per i motoveicoli e di almeno 0,50 mm per i ciclomotori. Per intagli principali si intendono gli intagli larghi situati nella zona centrale del battistrada che copre all'incirca i tre quarti della superficie dello stesso.

E’ quindi indispensabile controllare regolarmente i pneumatici della propria auto o affidarsi ad un gommista di fiducia, non solo per evitare multe e sanzioni, ma al fine di preservare la vostra incolumità e quella altrui.


Ma le gomme hanno una data di scadenza?

Mescola secca, durata della gomma e DOT. Sono questi gli argomenti del nostro prossimo articolo qui su Inforipara.com a questo tema. Per non perdertelo iscriviti alla nostra newsletter.